LA STORIA DELLA CREAZIONE di Parahamansa Yogananda ( 3a parte)

L'ANIMA DEVE ASCENDERE DI NUOVO

Rifacendo il cammino a ritroso, ogni anima deve perciò ascendere di nuovo per gli stessi gradini della scala dell'evoluzione per la quale è discesa.

Nessuno può raggiungere lo Spirito senza prima dissolvere l'energia nella percezione trina della Coscienza Cosmica, Coscienza Cristica e Vibrazione Cosmica intelligente, e la percezione delle sei deità che governano i sei universi. Dopo di ciò, il devoto progredito deve dissolvere le tre intelligenze in unico Spirito nello stato di suprema estasi, o samadhi.

Durante il sogno, la coscienza dell'uomo si divide in tre: il sognatore, il sogno e gli oggetti sognati, anche se nella loro essenza essi sono fatti di coscienza di sogno. Così la Coscienza Cosmica dello Spirito si differenzia nel Dio sognante, nella Sua Coscienza Cosmica che sogna e il divino sogno oggettivo dell'universo.

Come al risveglio il sognatore si rende conto che il suo sogno e gli oggetti sognati sono una cosa sola, così l'uomo mortale che si risveglia nell'estasi si rende conto che lo Spirito, la Sua Coscienza Cosmica e le Sue manifestazioni di un cosmico universo di sogno sono tutti costituiti della medesima Coscienza Cosmica.

Così l'uomo è disceso nella cosmica illusione di sogno per innumerevoli e svariati gradini ed abitudini formate dall'esperienza. Per riascendere verso lo Spirito, egli deve trascinar via la propria anima dagli oggetti materiali d'attrazione, dalla coscienza del corpo, dai sensi, dalla subcoscienza, supercoscienza, coscienza fisica, astrale e ideazionale; deve infine oltrepassare le sei sfere oggettive ed entrare nella percezione della propria anima e delle sei deità presenti nei suoi piccoli corpi ideazionali, astrale e fisico, nonchè nei suoi corpi macrocosmici delle sfere cosmiche ideazionali, astrale e fisica. Quando l'anima raggiunge questa percezione e si rende capace di andare al di là della ragione delle vibrazioni, allora diventa Spirito. Il figliol prodigo ritorna alla casa del Padre dalla quale se n'era andato.

ESERCIZI SPIRITUALI SPECIALI

I° ) SENTIRE LA COSCIENZA COSMICA DEL CORPO.
Muovi dolcemente il tuo corpo, poi rimani immobile. Concentrati sulla carne che lo compone. Afferma" Biswa, Coscienza Cosmica che tieni insieme le cellule del mio corpo, io m'inchino a Te. Dammi la salute."

2°) SENTIRE  IDDIO NELLA FORZA VITALE CHE TENDE E RILASSA I TESSUTI
Tendi, tutto il corpo dolcemente, mantieni la tensione. Afferma: "O Taijas , Coscienza Cosmica che sostieni il mio corpo astrale, dammi la forza e la Vitalità che sento durante la tensione. Io mi inchino a Te."

 3°) SENTIRE IDDIO NELLA COSCIENZA  PURA CHE TENDE E RILASSA L'ENERGIA
Tendi, carica e rilassa l'energia nel corpo. Afferma mentalmente o udibilmente: " O Coscienza Cosmica Pragnya che sostieni la mia volontà, che sento nella tensione e nel rilassamento, io mi inchino a Te, Dammi la saggezza".
Poi dimentica il tuo corpo.

4°) Ad occhi chiusi, percepisci con l'occhio della mente gli universi i sistemi stellari e solari, la terra e il tuo corpo che ondeggiano tutti come un unico mare di materia. Afferma: " O Coscienza Cosmica Birat, presente ora nel mio corpo e in tutta la materia, insegnami a sentire la tua presenza in tutta la materia e nel mio corpo".

5°) Poi apri gli occhi, riuchiudili e dimentica lo spettacolo dei pianeti e degli universi dotati di dimensioni; visualizza tutti i pianeti e gli universi come globi di fuoco che ruotano in una eterna nebbia nello spazio.
Afferma: O Hiranyagarva, o Fluente Fuoco cosmico, alimenta e sostieni il flusso della Forza Vibratoria. Tutte le energie connettono la vitalità nel mio corpo alla vitalità onnipresente in tutte le cose".

6°) Apri gli occhi, richiudili e visualizza gli universi quali sogni e idee galleggianti nella infinita mente di Dio.  Afferma: " O Coscienza Cosmica Iswara, insegnami a contemplare i miei sogni ed i Tuoi Sogni cosmici come un solo sogno Tuo. Insegnami a veder non la materia , ma l'intero cosmo, come stelle di sogno appese nel firmamento della mia coscienza dalla Tua mente onnipresente".

ALTRI ESPERIMENTI CON LE ESPRESSIONI DELLO SPIRITO

I°) Muovi dolcemente il tuo corpo e senti in esso il movimento di Dio

2°) Tendi e rilassati dolcemente: senti l'energia che scorre in te, poi senti la presenza di Dio in questa energia.

3°) Poi ricarica il tuo corpo di energia e ritira queste energia nella tua sola coscienza, Nella coscienza senti Dio.

4°) Indi chiudi gli occhi, visualizza il tuo piccolo corpo quale parte della terra, la terra quale parte del cosmo, ed il cosmo quale parte di tutta la creazione densa. Senti tutta la materia ed il tuo corpo come una sostanza unica pervasa dalla tua coscienza, della Coscienza Cosmica Birat e percepisci che sei uno con la materia.

5°) Poi visualizza il tuo corpo astrale, la terra, i sistemi solari e stellari e gli interi universi quali globi di spazio galleggianti nella tua luminosa Coscienza Hyranyagarva. Indi afferma: " O Spirito, fammi vedere il mio corpo astrale e tutti i pianeti infuocati e tutta la creazione, oscillanti quali onde del medesimo mare di luce.

6°) Ora renditi conto che esisti soltanto nell'idea e che è solo per la tua coscienza che sai del corpo e del Cosmo. Quando la tua idea è dormiente, o si rende incosciente, allora il tuo corpo e l'intero tuo cosmo non esistono più per te.
Ora renditi conto che il tuo corpo, le forze vitali, la terra, il sistema solare, quello stellare e il cosmo sono tutte idee, esitenti dentro di te. Afferma: " O Coscienza Cosmica , io sono idea. Il cosmo è un'idea più grande. Insegnami a vedere me stesso e ogni cosa come Tue idee dentro di me.".

ADAMO ED EVA

L'uomo e la donna furono creati ad immagine di Dio. Lo Spirito individualizzato, cioè l'anima, manteneva i corpi dell'uomo e della donna originali. Uomo e donna sono le nature di Dio, la ragione e il sentimento espressi in due corpi diversi.Lo Spirito è Conoscenza più Sentimento. Quando Egli si scisse in Dio e Natura, uomo e donna, Egli vide che le due espressioni manifestavano le stesse qualità; perciò formò un piano intelligente: nell'uomo fece predominare la ragione e mantenne nascosto il sentimento; nella donna diede la supremazia al sentimento e rese la ragione meno manifesta.
La ragione ci rivela il tipo del fiore, il colore , la forma e così via; ma il sentimento esprime l'amore per il fiore. Vedete? Dio è Saggezza e gode della Sua Saggezza. Dio è sentimento e raziocinio insieme, maschio e femmina in uno. La donna esprime soprattutto il sentimento nel suo comportamento, nel suo aspetto e nei suoi interessi, mentre l'uomo esprime in valenza il suo raziocinio. D'altro canto mentre l'uomo è il polo positivo e la donna il polo negativo, in confronto a Dio siamo tutti negativi e Dio è l'unica Forza positiva.
Noi pssiamo equilibrare le tendenze positive e negative in noi mediante il contatto con Dio. Tale equilibrio può venirci soltanto da Dio.

Dio creò i due sessi mediante la divisione della monade e le relative differenze delle due suddette qualità e del sesso mantennero l'uomo e la donna separati e diversi; ma Dio diede loro il potere di comunicare con Lui malgrado questa coscienza differenziata. Egli li pose in Paradiso. Nel piano originale della creazione l'uomo e la donna , compagni ideali nell''anima, dovevano vivere una vita celestiale mantenendo la propria mente fissa nella regione della Volontà Beata, nella fronte.

Il matrimonio spirituale consisteva nell'unione della donna ( sentimento) con l'uomo creato da Dio ( ossia la forza mascolina della conoscenza ), che li avrebbe resi uniti in Dio.

GENESI 2/8. " Il Signore piantò un giardino in Eden, dall'Oriente e pose quivi l'uomo che aveva formato. " L'Oriente" si riferisce al punto fra le sopracciglia dove si rivela il sole dell'occhio spirituale. In origine l'uomo permaneva dimorante in quel centro, che è "l'Oriente" ( ossia il lato anteriore dell'uomo). L'"Albero della vita" nel mezzo del giardino si riferisce al sistema nervoso, simile alle ramificazioni d'un albero, attraverso il quale la linfa vitale fluisce in modo che i fiori dei sensi e dei pensieri possono sbocciare per essere raccolti.

Un essere umano è un albero rovesciato; i capelli ed i nervi del capo sono le radici, il midollo spinale è il tronco, ed i nervi afferenti ed efferenti che si ripartono in ramificazioni da esso sono i rami.

GENESI 2/18. " E il Signore Dio disse:- Non è bene che l'uomo sia solo. Io gli darò un aiuto convenevole. " Il primo periodo significa che non era conforme ai piani di Dio che l'uomo fosse solo. " Aiuto" significa completamento dell'anima, ossia l'altra metà dell'uomo, che lo avrebbe aiutato a liberarsi dallo stato di esistenza umana per ascendere a quella divina. Un matrimonio ideale porta verso la liberazione.

GENESI 2/21.3 . " E il Signore Iddio fece cadere Adamo in un sonno profondo, ed egli dormì, e Dio prese una delle sue costole e saldò la carne nel luogo di quella; " Egli dormì" vuol dire che Adamo, per potere di Avidya ( l'illusione individuale, distinata da Maya, l'inganno universale) si trovò separato in uomo e donna. Uomo significa Dio, donna Natura. Entrambi sono uguali nel potere e nell'espressione del divino.
Costola, significa vibrazione. La donna fu creata dalla vibrazione, o costola, dell'uomo,ossia dalla forza di Dio; cioè prima la sapienza di Dio creò l'uomo, poi il suo sentimento proveniente dalla Sua vibrazione - sapienza - natura ( ossia, costola dell'uomo), creò la donna.

Ritorniamo alla Genesi: I.27 " A immagine di Dio Egli li creò , maschio e femmina li creò". Questo passo dimostra che in precedenza Dio aveva creato maschio e femmina simultaneamente . Perciò possiamo concludere senza sbagliare che la Genesi 2: 21 descrive nei particolari. la creazione dell'uomo e specialmente della donna.

GENESI 3:2-3. " E la donna disse al serpente . Noi possiamo mangiare dei frutti degli alberi del giardino, ma dell'albero che sta nel mezzo del giardino Dio ha detto: " Non mangiatene e non toccatelo, affinchè non ne moriate. In questi versetti il serpente sta per la corrente fuoriuscente dell'energia vitale che stimola la manifestazione sessuale.

Il giardino è il corpo umano, particolarmente il centro di coscienza. Gli alberi sono i vari sistemi nervosi. Il frutto è la sensazione. Il frutto dell'albero che sta nel mezzo del giardino raffigura perciò la sessualità localizzata nel mezzo del corpo umano e dipendente dalle ramificazioni nervose sacrale. Qui, per morire significa perdere la coscienza divina decadendo dalla propria celestiale consapevolezza alla coscienza del sesso, nel giardino in cui l'uomo sperimentò l'unione fisica, disertando così la divina unione tra la sapienza e il sentimento nel divino matrimonio spirituale, che era all'origine del piano creativo di Dio.

GENESI 3:7. " Allora gli occhi d'entrambi si aprirono e conobbero che erano ignudi" significa che Adamo ed Eva si concentrarono sul loro lato fisico e dovettero perciò dipendere dai loro due occhi materiali, anzichè dall'occhio singolo spirituale.

Questo corpo umano è il giardino dell'Eden in cui vi sono vari alberi e sistemi nervosi, che portano varie specie di frutti dei sensi; si tratta dei centri nervosi, ottico, uditivo, olfattivo, gustativo e tattile, che producono i frutti delle dolci sensazioni corrispondente. Dio desidera che l'uomo goda di tutti i frutti sensori, eccettuato quello dell'albero nervino dell'energia creativa situato nel mezzo del giardino corporeo.
Di queste cose parla anche la suprema scrittura Indù, la Bhagavad-Gita, dove la Cap. 15,V.I: vi è un accenno all'albero con le radici in sù ed i rami in basso.

L' ORIGINE  DELLA  CREAZIONE

Questo frutto della sensazione tattile momentaneamente seducente , è chiamato mela.
Il serpente è l'energia di vita che stimola i nervi della forza creativa. E' queste energia arrotolata come un serpente, situata alla base della spina dorsale che risveglia l'istinto femminile negativo, o sentimento (Eva), nell'uomo, per vivere l'esperienza della creazione coniugale ( mangiare la mela). Questo sentimento femmineo o Eva costituisce per la ragione ( Adamo) nell'uomo la tentazione di precipitarsi sull'esperienza sessuale.  L'istinto creativo viene primariamente stimolato dalla forza vitale; poi il sentimento, od emozione, si desta o sopraffà la ragione. Questa forza nervosa creativa che scorre attraverso un passaggio a chiocciola nel coccige, è chiamata nei libri indù, la Kundalini.

Così cominciò la creazione sessuale. Come Iddio ebbe a creare le prime creature, così Adamo ed Eva ( per creazione speciale e non per la legge di causa ed effetto risalente ai genitori) ebbero conferito il potere di creare dei figli con il desiderio del cuore  materializzando la forza vitale in un corpo col metodo immacolato, proprio come Dio. Non potevano nascere figli se prima non fossero esistiti i genitori, perciò i primi genitori furono creati da Dio.
Quando anzichè conservare la propria coscienza del Paradiso, ossia nella regione del pensiero puro nel cervello e nel punto fra le sopracciglia ( Centro Cristico) l'uomo permise alla propria mente di livellarsi al piano sessuale, egli cadde: ossia decadde dalla facoltà della creazione immacolata mediante la volontà, alla degradante schiavitù della legge fisica di propagazione della specie.

Tutti i figli nascono e sono allevati nel Paradiso della pace, della purezza e della beatitudine, fino al momento in cui cominciamo a vivere sul piano procreativo e sono tentati dalla forza creativa serpentina. Allora hanno inizio l'angoscia, la debolezza, la gelosia, la noia e un'infinita varietà di mali. Il concetto è questo: se l'istinto sessuale non viene controllato e moderato, i giovani saranno scacciati dal paradiso di felicità in cui si svolge una vita moderata di autocontrollo.

L'amore, l'amore puro deve predominare. Se uomini e donne sapessero rimanere nella sfera del pensiero e degli alti ideali, costantemente vivendo nel mondo della idealità, godendo di buona musica, pittura, cibi delicati e fiori fragranti e riuscissero a non lasciarsi travolgere dal senso tattile che governa la procreazione materiale, essi sarebbero realmente nel paradiso.

Porta questo messagio nel tuo cuore e trasmettilo ai giovani Adami ed Eve che sono ancora nel loro giovanile paradiso e che possono essere indotti a rimanervi salvandosi dalla miserevole esperienza dell'essere cacciati entro i fuochi liquidi della sazietà e dell'auto-creata follia.

OM!    OM!    OM!

Torna al Sito