LA STORIA DELLA CREAZIONE di Parahamansa Yogananda ( 2a parte)

CONCEZIONE DELL'UNIVERSO SECONDO LE SCRITTURE INDU'

Avete imparato che l'Invisibile o Infinito si rende divisibile e finito per il potere di Maya, il grande mago illusionista delle misure.

L ' Infinito è come l'oceano che non cambia mai nella sua natura essenziale, benchè le sue onde mutino costantemente di forma. Lo Spirito vibrò rendendosi materia, perciò tanto lo Spirito quanto la materia  esistono.
Purtuttavia vi ho chiesto sempre di ricordare che la materia non esiste nel modo che appare a noi; essa in virtù del potere illusorio di maya, il quale fa sembrare lo Spirito indivisibile, secondo tutte le apparenze, quale divisibile e finito. La materia ha esistenza nello stesso modo illusorio di un miraggio  nel deserto.

Noi studieremo ora gli stadi attraverso i quali lo Spirito discese nella creazione di questa materia.

I punti citati della Genesi risultano chiari se interpretati secondo le Scritture Indù. La Forza Una si divise in due allo scopo di creare; poi si divise ancora nei tre stati della creazione.

I°) Il Cosmo fu creato in idea ( I:I).
2°) Poi venne la creazione del cosmo astrale  ( I:3)
3°) Indi avvenne la divisione di queste vibrazioni astrali in Cosmo sottile e cosmo grossolano denso ( I:7).
 
Secondo le Critture Indù, la creazione ha cinque kosha, ossia cinque stadi evolutivi attraverso i quali tutta la materia deve passare allo scopo di spiritualizzarsi ed emanciparsi. Ecco perchà quelle Scritture dicono:" Dio dorme nella terra asciutta, sogna nelle erbe, si desta negli animali, nell'uomo sa di essere desto e nell'illuminato riacquista la Sua onnipresenza perduta."

L'anima sottostà a questi processi. Questo stesso ordine evolutivo si trova anche nelle Scritture cristiane, dove leggiamo che la terra asciutta venne prima, poi le erbe, poi gli animali ed infine l'uomo. La Genesi ( i:20-25) è dedicata alla correlazione delle cose che accaddero in un quinto ciclo di Coscienza Divina manifestata e non manifestata.

Nel primo giorno (o ciclo) furono creati il cosmo-idea e la luce.

Nel secondo giorno ( o ciclo) la luce venne divisa in elementi sottili  e densi.

Nel terzo giorno ( o ciclo) vennero la terra asciutta e le erbe.

Nel quarto giorno, vennero definitivamente stabiliti i rapporti reciproci dei pianeti fra loro.

Nel quinto ciclo furono creati i pesci, gli uccelli e gli altri animali, mentre nel sesto giorno, o ciclo, fu creato l'uomo.

Questi cominciò ad evolversi dall'uomo politico verso l'uomo moderno.                 

FACCIAMO L'UOMO A  NOSTRA IMMAGINE

" E Dio disse : Facciamo l'uomo a nostra immagine e somiglianza". ( I: 26).

Donde viene questa parola"Nostra-noi?" Perchè Dio non disse : " Sia fatto l'uomo a Mia immagine". Vediamo che Dio vibrò il desiderio di creare con una parte della Sua Coscienza differenziata ( indicata dalla parola "NOI"), di creare l'uomo non soltanto a Sua immagine ma a "nostra" somiglianza , ossia secondo le immagini ed i piani sviluppati dalla sua prole soggettiva di agenti creati e controllanti le varie parti della creazione.
Proprio come un uomo che desideri crearsi una casa raduna intorno a sè architetti , imprenditori, e costruttori, così Dio differenziò in sette forme soggettive di coscienza, ossia pose sette angeli innanzi al Suo trono per produrre i cosmi e, più tardi l'uomo.

Come un raggio di sole che cada su un pezzo di carbone, di ferro, d'argento, d'oro o di platino, si differenzia in molte luci diverse e potrebbe perciò chiamarsi: luce di carbone, luce di ferro e così via, così in origine lo Spirito non manifesto divenne tre: Dio Padre, esistente al di là della materia,il Figlio o L'Intelligenza Cristica esistente in tutta la materia e lo Spirito Santo o Vibrazione cosmica , dalla quale tutta la materia fu creata.

 In ultima analisi si trova che la manifestazione trina di Spirito Santo, figlio e Padre (OM, TAT, SAT ) non sono che lo stesso Spirito che secondo la legge della relatività, divide Sè stesso nei Tre; Dio Padre, che agisce indirettamente al di là della creazione; Dio Il Figlio , che agisce indirettamente nella creazione e Dio Spirito Santo, che agisce direttamente nell'universo.

Benchè nella qualità di Puro Spirito essi rimangono Uno, pure nello stato di creazione manifesta Essi divengono le tre Intelligenze conduttrici.

Ora, come lo Spirito divenne tre allo scopo di creare, così nell'evoluzione progressiva esteriore lo Spirito Santo appare come Vibrazione Cosmica, Suono Cosmico e Luce Cosmica. Questa Luce Cosmica, in scala discendente di vibrazioni, si divide ulteriormente nelle energie cosmiche di " vitatroni", elettroni, protoni, atomi, molecole, gas e solidi, dando origine ai tre universi: ideazionali, astrali e materiale.

 Così lo Spirito Santo; o Maha Prakriti ( La Grande Natura o Kali) è l'architetto e costruttore dell'intero Cosmo . Esso condensa la Coscienza Cristica, guidandola indirettamente nella Luce Cosmica e nelle varie sue manifestazioni di energia, gas, liquidi, e solidi.

Quando lo Spirito Santo si divide in Intelligenza Creatrice e Vita Cosmica ( energia astrale) e il Cosmo, esso comincia ad organizzarsi in senso macrocosmico e microscosmico, in sei altre intelligenze che governano i sei Universi.

I tre universi macrocosmici sono; il  Cosmo ideazionale, il cosmo astrale e il Cosmo fisico. Gli universi microcosmici, gli epitomi, sono il corpo ideazionale, il corpo astrale ed il corpo fisico dell'uomo.

Nel macrocosmo, l'Intelligenza direttrice dello Spirito Santo diviene manifesta come tre intelligenze: Iswara, l'architetto Cosmico; Hiranyagarva, ingegnere cosmico astrale e Birat, il costruttore cosmico. Questi controllano rispettivamente gli universi: ideazionale, astrale e fisico. Nel microcosmo, l'intelligenza direttrice dello Spirito Santo diviene manifesta come Pragnya,, l'Architetto del corpo-idea dell'uomo, Taijas, l'ingegnere vittatronico del corpo umano astrale e Biswa , costruttore del corpo fisico.

LE SETTE ESPRESSIONI DELLO SPIRITO ( alle quali si riferisce la Genesi con la parola "NOI")

I°) In senso macrocosmico , la Coscienza Cosmica immanente nel corpo causale o corpo idea dell'Universo è chiamata Iswara, ossia Dio i Padre.

2°) In senso macrocosmico, la Coscienza Cosmica esistente nel corpo sottile o astrale dell'Universo è chiamata Hiranyagarva.

3°) In senso macrocomico, la coscienza Cosmica presente nel corpo materiale dell'Universo viene chiamata Birat.

4°) In senso microcosmico, la Coscienza Cosmica presente in ogni unità individuale ed oggetto nell'universo è chiamata Pragnya.

5°) In senso microcosmico, la Coscienza Cosmica esistente nel Corpo astrale creato da Maya, dell'uomo e di ogni unità individuale è chiamata Taijas.

6°) In senso microcosmico, La Coscienza Cosmica presente in ogni corpo materiale o oggetto individuale è chiamata Biswa.

7°) La Coscienza Cosmica presente nell'universo microcosmico e macrocosmico è la stessa, solo denominata diversamente, come Maya e Avidya ( illusione universale o individuale).

La Coscienza  presente nell'universo in stato indisturbato è chiamata Kutasha Chaitanya, o Coscienza Cristica.

I numeri corrispondenti alle sette voci di cui sopra corrispondono a quelli del seguente diagramma; studiatelo finchè non avrete chiara immagine mentale della correlazione esistente fra queste forze.

SEI SOGGETTI O CREAZIONI VIBRATORIE , SONO GOVERNATI DA SEI SOGGETTI, OSSIA SEI FORME RIFLESSE DI COSCIENZA DI DIO PADRE

DIO PADRE

Spirito non manifesto                                                             Spirito manifesto nella creazione
Beatitudine sempre-esistente                                                  quale Dio Padre Dio Figlio e
sempre-cosciente                                                                      Dio Spirito Santo
sempre- nuova                                                                            

MACROCOSMO                                                                       MICROCOSMO

Sei soggetti o riflessi                                                                    Sei soggetti vibratori o
dello Spirito quale unica                                                               riflessi dello Spirito Santo
Coscienza Cristica,                                                                        Uno, o Vibrazione Cosmica:
unico Riflesso di Dio
Padre nella Creazione
        12345654321

I°) ISWARA                                                                                   I° Cosmo-idea
           2 Hiranyagarva                                                                     2 Cosmo astrale
           3 Birat                                                                                  3 Cosmo denso o fisico
           4 Pragnya                                                                             4 Cosmo ideazionale
           5 Taijas                                                                                 5 Cosmo astrale
           6 Biswa                                                                                 6 Corpo fisico

PARALLELI  DI  GOVERNO

Si può dire grosso modo, che il presidente governa gli Stati Uniti; similmente si può dire che Dio il padre al di là della creazione ( Riflesso come Cristo operante indirettamente nella creazione ) governa il cosmo vibratorio.

Inoltre si può dire, in modo più particolareggiato, che i quarantotto stati d'America sono governati dal Presidente e dal suo Gabinetto e congresso; così si può dire che la creazione vibratoria dei vari piani ( macrocosmici e microcosmici) è governata dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito Santo e da sei Intelligenze o riflessi.

Per capire l'America, si deve comprendere la sua forma di governo.
Similmente, per comprendere il cosiddetto universo misterioso, dobbiamo sapere come esso è governato da Dio e dai Suoi sette riflessi o " angeli".

Il Cosmo agisce secondo un piano prestabilito. Dio dovette dividersi in molte personalità per poter elaborare e governare i particolari.

I pianeti furono posti nello spazio e controllati elettricamente.

Il fulmine, il calore, le stagioni e il sistema per governare gli abitanti del cosmo furono esattamente progettati ed eseguiti da Dio e dai suoi sette angeli ( Lo Spirito Santo ed i Suoi Sette Riflessi Intelligenti). Questa descrizione dovrebbe darvi una chiara idea delle funzioni di queste entità che governano l'universo.
Ci volle una lunga preparazione e la creazione di tutti gli universi, ideazionali, astrale e fisico, prima che potesse essere creato l'uomo.

PER RIASSUMERE

La Bibbia crsitana parla di " sette Spiriti" innanzi al trono di Dio.
Assumendo per certo che Spirito e Dio sono la stessa cosa e che Cristo e lo Spirito Santo sono una cosa sola, abbiamo: Dio il Padre, con Cristo e le sei deità ( manifestazioni dello Spirito Santo) come sette spiriti davanti al suo trono.

Inoltre secondo le Scritture Indù, lo Spirito Colui che governa l'universo, Si divide in Dio padre
( Sat), Dio Cristo o Intelligenzae Cristica  (Krishna ), (Tat) il Figlio e lo Spirito Santo, la Madre Prakriti o Natura ( consorte di Dio-Om) e le sunnominate sei Intelligenze ( emanazioni della vibrazione dello Spirito Santo) allo scopo di operare nei sestuplici universi macro e microcosmici.

A parte ciò, lo Spirito è riflesso in ogni corpo umano e in tutte le creature. Cioè in ogni corpo  umano troviamo la presenza Dell'illlimitato Spirito manifesto come Anima. In questo corpo la dimora di Dio Padre e dell'Anima è situata nella parte superiore del cervello ( loto dai mille petali). Il Centro Cristico ( Kutasha Chaitanya) sta nel punto fra le sopracciglia, mentre lo Spirito Santo, quale Luce Cosmica, è pure situato nell'occhi singolo, o spirituale.

Gli esseri, o Intelligenze, Iswara e Pragnya operano attraverso l'Occhio Spirituale dell'uomo. Dall'universo Ideazionale essi riversano idee entro la supercoscienza ed il corpo-idea dell'uomo. Gli ingegneri vitatronici Hiranyagarva e Taijas lavorano in accordo attraverso l'universo cosmico astrale, riversando vita nel corpo astrale dell'uomo. Le intelligenze Birat e Biswa agiscono insieme armonizzando la Forza Cosmica col corpo dell'uomo per mezzo della sua supercoscienza, la coscienza umana e la coscienza del corpo e della materia.
 

(... 2a parte...)

Torna al Sito